LA MINIERA

Home » LA MINIERA

Dopo 20 anni dalla chiusura della miniera, per la prima volta vengono esplorate le discenderie e le gallerie allagate. Nel corso dell’anno esplorativo, le prime immersioni hanno avuto la caratteristica di essere effettuate per buona parte a visibilità zero a causa del deposito che rivestiva pareti e manufatti. Dopo aver provveduto ad asportare travi e soprattutto cavi elettrici che potevano creare problemi nelle situazioni di scarsa o nulla visibilità, si è aperto un mondo affascinante, suggestivo, dai colori particolari e intensi. Oggi, possiamo dire che, con un bagaglio di esperienza adeguato, si possono esplorare le gallerie che si trovano a 28 mt con uno sviluppo totale nei 4 rami esplorati di 500 mt. con massima profondità di -45 in totale sicurezza. Durante i lavori di bonifica sono stati rinvenuti numerosi oggetti e utensili: pale di carico ad aria, carrelli, argani, basi di carrelli, picconi, punte da mina, un tavolo da lavoro, decine di metri di tubi di aspirazione e tantissima minuteria.
Altre miniere esplorate:

  • Valcamonica le miniere di Pisogne
  • Val di Scalve miniere di Schilpario
  • Valseriana, comprensorio Val del Riso – esplorazione di coltivazioni in tre diverse discenderie, max prof -65
  • Valgraveglia, comprensorio di Gambatesa, esplorate due miniere di cui una x un totale di 500 mt di gallerie, max prof 42mt

Login

Lost your password?