Home » ARCHIVIO » Quella speciale Epifania

Quella speciale Epifania

Mettete assieme le acque incantate di un lago unico, un’associazione di appassionati subacquei che vi s’immerge, tanti bambini felici, delle “Befane” molto particolari e avrete una festa subacquea che ci si sente fortunati ad aver visto con i propri occhi. Appuntamento alla prossima edizione di “Le Befane del Lago” di Posta Fibreno.

Di Maria Gigliozzi. Foto Giovanni Salera e Valter Carrus

«Una sera di novembre, in una delle riunioni dello staff Assoscuba, la nostra Associazione subacquea di Sora in provincia di Frosinone, decidemmo di voler fare qualcosa di divertente anche per i più piccoli, qualcosa che potesse coinvolgere “il popolo terrestre” della Ciociaria, un modo per stare insieme e condividere con la nostra comunità un momento divertente.
E tutti fummo d’accordo nel riproporre nuovamente l’evento “Le Befane del Lago”, che avevamo già organizzato qualche anno fa con i piccoli degli associati, e di estendere l’invito anche ai bambini dei nostri amici e parenti.
Delle Befane “differenti”: in una nuova veste, con pinne, erogatori e guanti, che – con la loro scopa malandata – andassero a recuperare le calzette negli abissi del lago e le distribuissero ai bimbi presenti.
La location? Ovviamente il nostro meraviglioso lago di Posta Fibreno! L’acquisto dei dolcetti? “Troviamo gli sponsor!”
E così ci precipitammo dai gestori di tre attività commerciali di Posta Fibreno, ai quali piacque subito l’idea delle Befane Subacquee.
E, dopo aver ottenuto la loro sponsorizzazione, informammo tutti gli associati dell’evento!
Iniziarono così le prenotazioni delle calzette!
“8 per me”, “Siiiiii, altre 7 per i bimbi dei miei amici”, “Per me 5…”, “Una decina di bambini li porto io…”. E – si sa – l’unione fa la forza…una calzetta tira l’altra… fino ad arrivare a quasi 90 calzette prenotate!
“Che mi prenda una calzetta!” – esclamò Sandra Tatangelo, la nostra associata espertissima nell’acquisto dei migliori dolcetti e nella composizione pratica delle calzette – “Qui bisogna mettersi subito all’opera!”.
E il grande giorno arrivò, il 6 gennaio alle 8:00 di mattina, io e l’altra Befana Rita di Gasparro, vedemmo arrivare al diving del lago, il nostro vicepresidente Riccardo Russo, con le meravigliose calzette create con tanto amore!
Caramelle a forma di pesciolino, il logo dell’associazione su ognuna di esse, una meraviglia!
Un’emozione vederle mentre le depositavamo nelle sacche stagne pronte per essere posizionate nel lago dal nostro Presidente Domenico Zangari prima dell’arrivo di tutti i bambini.
Eravamo tutti con le pinne incrociate, sperando che non piovesse! Non solo le Befane, ma anche gli aiutanti Befanoni, il fotografo subacqueo Giovanni Salera, i videoperatori terrestri Filippo Ramiccia e Antonio Faiola, il videoperatore subacqueo Alessandro Sabucci e il controllore di assetto Alessandro Traut di Lorenzo, che avrebbe avvisato le Befane se qualcuno avesse alzato la sospensione! Altro che calzette in quel caso, ma scopettate per tutti!
E il sole era dalla nostra parte, pronto ad accogliere grandi e piccoli che a poco a poco iniziavano ad arrivare. E l’adrenalina saliva. E più saliva, più le persone continuavano ad arrivare…
Ore 10:30, ultimo giro di ricognizione. Ultimo sopralluogo tra la gente per caricare l’atmosfera. Il prato era quasi stracolmo di persone e per prepararli e ricordare l’orario di inizio evento iniziammo a dire a tutti “Ci ha telefonato la Befana, ha detto che tra mezz’ora sarà qui!”
E di corsa io e Rita indossammo le nostri vesti da Befana, piombammo la scopa e ci facemmo forza a vicenda per fare il grande ingresso!
Ci tremavano le gambe… e pure la scopa! Una marea di bambini, di persone, occhi spalancati e pieni di stupore! E noi: “Ciao bimbiiiii! siamo quiiii! Ora andiamo giù nel lago a prendere le vostre calzette! E poi ve le portiamo!”
E tra gli applausi e i cori “viva le befane!” ci immergemmo con il cuore pieno d’emozione. Per fortuna l’acqua del lago è sorgiva, e la sua freschezza ci fece riprendere un po’ dall’emozione!

Qualche foto, qualche ripresa… e il grande momento era arrivato: recuperiamo le sacche stagne con i dolcetti e riemergiamo. Altro che l’Ola dello stadio, le voci dei bambini alla nostra vista con i sacchi pieni di caramelle è un urlo che non ha eguali.
Considerando la muta, i vestiti da Befana, la scopa, la sacca, nonché le pinne e la bombola, ci muovevamo così impacciate da sembrare davvero delle vecchie befane! Forse gli applausi derivavano proprio da questo!
800 occhi puntati addosso, le braccia di oltre 100 bambini protese avanti, piccoli occhi pieni di meraviglia, vocine che dicevano “befana, la calzetta a me!”… insomma un po’ d’ansia da prestazione è venuta pure a noi!
Per fortuna il nostro grande nasone e il foulard sulla capoccia un po’ aiutava a nascondere le emozioni!
E dopo aver avuto per 3 notti di fila gli incubi che le calzette non sarebbero bastate e che i bambini ci avrebbero ributtato in acqua con la bombola chiusa… finalmente potemmo tirare un sospiro di sollievo.
Tutti i bimbi – sia quelli che avevano prenotato sia quelli di passaggio – avevano ricevuto la loro calzetta!
E da lì è continuata la grande festa, di abbracci, di baci, di foto, di emozioni vere e pure. E c’erano proprio tutti in quest’evento, anche i miei familiari, il mio nipotino… immaginate quante emozioni!
Ma l’emozione più grande l’ho avuta da una mamma di un bambino disabile presente all’evento che ci ha regalato queste parole:
“Grazie per la bellissima esperienza e del sorriso regalato a mio figlio, non tutti ci riescono. Spesso non è facile in questa società, ma grazie a persone splendide come voi, si va avanti…”
E così abbiamo scoperto che la subacquea ci dà emozioni non solo quando siamo in acqua, ma anche quando siamo sulla Terra!
Grazie a tutti coloro che attraverso questa giornata ci hanno fatto capire ancora di più l’importanza dell’aggregazione, della condivisione e la forza di una passione!
Onorata io stessa – una subacquea per passione – di essere addetta alla comunicazione Assoscuba.»

Author: Maria Gigliozzi

Comments (6)

  1. Carlo Ravenna ha detto:

    Maria Gigliozzi, mitica! Ottima iniziativa…

    • Maria Gigliozzi ha detto:

      Grazie mille Carlo! Abbiamo realizzato quest’evento mettendoci il cuore, il segreto del suo successo deriva proprio da questo! 🙂
      Ti aspettiamo con piacere il prossimo anno. Un caro saluto da tutti noi 🙂

  2. ROBERTO VIVARELLI (zio) ha detto:

    POSSO DIRVI A MIO MODESTISSIMO PARERE CHE È STATA UNA BELLA GIORNATA; SIA PER I GRANDI, E ANCORA DI PIU’ PER I BAMBINI,
    AVETE ORGANIZZATO UNA BELLA FESTA, IL PROSSIMO ANNO CI SARANNO ANCORA PIU’ PERSONE CHE VERRANNO ALLA FESTA, NE SONO SICURO.
    UN CARO SALUTO ALLA BEFANA MARIA E ALLE ALTRE PERSONE CHE HANNO ORGANIZZATO E NON HO ANCORA AVUTO IL PIACERE DI CONOSCERE, CIAO.

    • Maria Gigliozzi ha detto:

      Che dire caro “Zio”, quando ti ho visto… che grandissima sorpresa!!! Sapere che avete fatto più di 100 km per essere con noi mi ha davvero emozionata! Il Bello della subacquea è proprio questo, da un’immersione nasce una vera amicizia!!! Grazie di cuore!!! Onorati di avervi avuto con noi!!! Alla prossima avventura “Zio”!!! 🙂

  3. Nicola ferroni ha detto:

    Grande gruppo, ottima organizzazione e realizzazione.
    Una Fantastica Maria ma ovviamente anche Rita e tutti quanti hanno reso possibile questo interessantissimo evento.

    • Maria Gigliozzi ha detto:

      Grazie per queste belle parole Nicola!!!
      Dietro la riuscita di un evento, c’è l’impegno e l’amore di una grande Squadra che “scende in campo” con un obiettivo comune!
      Il nostro era regalare sorrisi a grandi e piccini… e anche alla squadra stessa!
      Missione compiuta! 🙂 Orgogliosi di provare e regalare emozioni!
      Un caro saluto da tutta la “Squadra” Assoscuba 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Login

Lost your password?