L'unico portale giornalistico dedicato a tutte le forme d'immersione subacquea | The only journalistic web portal dedicated to all forms of underwater diving
Home » ARCHIVIO » Quando il mare suona il piano

Quando il mare suona il piano

A Zara in Croazia l’originale idea di un architetto che progetta un molo in grado di essere suonato dal mare come le canne di un organo.

La Redazione

In tanti conoscevamo “La leggenda del pianista sull’Oceano”. Ma chi avrebbe mai immaginato che il pianista potesse essere il mare stesso? Invece succede davvero – e da tempo – quando le onde anche modeste s’infrangono contro il molo di Zara, la nota cittadina croata. Dove l’architetto N. Bašić già dieci anni fa ha voluto quel molo a gradoni bianchi sfalsati in pendio verso il mare, disegnato e costruito in maniera che la compressione dell’aria creata dal moto ondoso all’interno di apposite cavità provocasse un insieme di suoni. Dunque è facile prevedere che ne nascano sonorità continue e assai variabili. E in effetti ciò che accade ha dello stupefacente al punto da superare l’immaginazione: sentite e guardate qua!

Come dicevamo, una decina di anni fa quell’architetto, su un tratto costiero prospiciente il centro cittadino, in una zona allora poco vissuta e semi-abbandonata, mise a punto questo ingegnoso strumento o sistema musicale, ribattezzato l’organo marino (Morske orgulje), alias Sea Organ appunto, che sfrutta il movimento delle onde e del vento per produrre un vero e proprio concerto musicale. Sempre diverso da se stesso, di momento in momento. Trentacinque canne d’organo raccolgono e concentrano ogni spostamento d’aria come ciascun moto dell’acqua del mare e li modulano secondo le cinque tonalità e i sette accordi che l’architetto ha voluto inserire nell’insieme dell’installazione.
I turisti all’unanimità restano talmente incantati dal fenomeno acustico che si crea (il video è addirittura in notturna) da raccontarne un insieme di sensazioni che possono riassumersi in un’impressione di magica atmosfera avvolgente, rilassante e favorente la concentrazione e il rilassamento. Nessun sortilegio, ovvio: si tratta in fondo di fisica dei fluidi e le leggi dell’acustica fanno il resto. Ma è sempre difficile negare che ci sia qualcosa di profondamente suggestivo in tutto ciò che riguarda i suoni del mare.

Author: SerialDiver

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Login