Home » ARCHIVIO » Primo contatto

Primo contatto

«Il primo squalo non si scorda mai! E i sedici minuti di decompressione appaiono un giusto prezzo da pagare…» Così Jenny Gioffré all’appuntamento con lo squalo grigio sui terrazzamenti subacquei di Lampione

Di Jenny Gioffré. Foto Giuseppe Mancini e Marina Diving Lampedusa

[TS-VCSC-Lightbox-Image content_image=”14253″ content_image_size=”full” content_title=”SqualiGrigi_Lampione_photoGMancini” lightbox_effect=”fade” margin_bottom=”20″ el_file=””]

Il primo bacio, il primo viaggio e adesso aggiungerei – alle prime volte significative – il primo squalo. Ormai non è poi così difficile per un subacqueo confrontarsi con questo sovrano del mare. Io però non appartengo a quella categoria di sub che possono permettersi questo incontro, né per competenze tecniche né soprattutto per risorse economiche necessarie a portarti in luoghi di viaggio deputati a questi faccia a faccia. Il mio primo incontro è avvenuto questa estate, in un viaggio in cui per un insieme di motivi non prevedevo di potermi immergere. Siamo a Lampedusa, è stato l’altruismo del mio compagno a spingermi a fare qualcosa per me. Così vado dal mio amico Beppe Mancini e lui, con affetto e professionalità, mi fornisce l’occorrente e m’invita a tuffarmi a Lampione. Ero già stata in questo splendido luogo d’immersioni ma senza la fortuna dell’incontro con il “sovrano del mare”. La giornata è uggiosa, il mare sfida la nostra tenacia. Un’ora di gommone che solca le onde, un po’ stancante. Il gruppo è simpatico, ma silenzioso. Le sette del mattino d’agosto non è un orario da chiacchiere, il resto lo fanno le alte onde. Lampione è un posto affascinante: un isolotto lungo 200 metri e largo 180, che fa parte della placca continentale africana di pertinenza delle Isole Pelagie. È inoltre un elemento componente dell’Area Marina Protetta delle Isole Pelagie. Scendiamo tutti insieme, incontriamo cernie, ricciole, dentici. Una specie di terrazzamenti subacquei da cui ti sporgi e vedi lo strapiombo abissale. Siamo intorno ai quaranta metri di profondità e poco prima della risalita sento versi strani che provengono da Luca, compagno d’immersione. I suoi occhi trasmettono l’incanto, seguo il suo dito e lo scorgo. Il profilo perfetto, sarà a venti metri da noi, un bellissimo esemplare di “squalo grigio” gira intorno a una cima abbandonata. Un’emozione fortissima, un piacere estetico. Qualche minuto di osservazione e poi lo perdiamo di vista, siamo già in risalita. I sedici minuti di decompressione appaiono un giusto prezzo da pagare. Questo incontro porta forte la consapevolezza che il mare è il suo regno, noi solo ospiti a cui è concesso di dare una sbirciatina, ma poi a casa. Il rientro è più dolce, il sole è tornato a splendere, il maestrale ci dà tregua. Arrivati al molo il mio compagno mi attende al diving. Lo abbraccio e lo ringrazio del regalo, avermi fortemente invogliata ad andare e realizzare così il primo incontro con “Iddu” (lui in siciliano).

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 12 in /customers/0/2/4/serialdiver.com/httpd.www/wp-content/plugins/js_composer/include/classes/shortcodes/vc-basic-grid.php on line 175

About Jenny Gioffré

Ho aperto i miei occhi al mondo nel lontano 1975, e da allora il mio sguardo è rimasto affascinato dalla ricchezza del mondo. Divido la mia vita quotidiana tra due regioni separate dal mare; se mi chiedi di dove sono ti diro “dello Stretto (di Messina)” e sarà per questo che sento che il mare sta sempre al centro della mia vita...
Jenny Gioffré

Comments (2)

  1. Graziella ha detto:

    Bellissimo e fortunato incontro! Bravissima nel trasmetterci le tue emozioni! Confesso un pizzico di sana invidia ma contentissima per te!

  2. Caterina ha detto:

    Grazie per il tuo racconto; da ogni parola traspare la tua forte emozione per l’incontro con “iddu”…. peccato che la distanza tra l’immaginare l’emozione e viverla e’ tanta….. comunque, grazie per avermi reso partecipe….. la natura e’ di una bellezza inimmaginabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Login

Lost your password?