Home » ARCHIVIO » Le balene prediligono il jazz

Le balene prediligono il jazz

Le megattere della Groenlandia compongono musica e poi la cantano. In modi particolarissimi. Sulle finalità di una simile “arte” ancora nient’altro che supposizioni.

A cura della Redazione. Foto: by Wikipedia, Dr. Louis M. Herman – NOAA Photo Library: sanc0602 Disegno: Chris huh

[TS-VCSC-Lightbox-Image content_image=”14128″ content_image_size=”full” content_title=”Boa segnasub e barche… ecco un’attrazione fatale ma solo per il sub” lightbox_effect=”fade” margin_bottom=”20″]

Secondo una ricerca triennale condotta nello stretto di Fram, vicino alla Groenlandia e alle isole Svalbard, le balene megattere della Groenlandia “cantano” canzoni estremamente differenziate l’una dall’altra. E di questi motivi canori ne sono stati registrati e analizzati ben 184 nel periodo di riferimento dello studio. Simili risultati sono frutto di un’indagine sul campo condotta tra il 2010 e il 2014 da ricercatori dell’Università di Washington e pubblicata attualmente nelle pagine della rivista Biology Letters, dopo tutto il lavoro di decodifica e analisi dei segnali raccolti.
Canti del genere sono rari nei mammiferi, tra i quali di solito si registrano piuttosto vocalizzazioni di richiamo con caratteristiche di marcata ripetitività. Mentre nel caso delle balene appartenenti alla specie principale oggetto dello studio, la Megaptera novaeangliae – come già risaputo anche per la Balaena mysticetus – gli studiosi si sono trovati alle prese con suoni armonici marcatamente caratterizzati e definiti da più frequenze e elementi modulati in ampiezza, secondo combinazioni di “frasi”, “sub-frasi” e organizzati in lunghi “periodi” e “temi”.
Alcuni hanno ritenuto di poterli paragonare a composizioni di musica jazz.
Nelle megattere in particolare, le più estesamente studiate, si è rilevato anche che le canzoni sono simili all’interno della stessa stagione per un’intera popolazione; si verifica poi un’evoluzione graduale e uniforme nel corso del trascorrere della medesima stagione; ed è stato documentato anche un trasferimento di tipi di motivi canori da una popolazione a un’altra in maniera direzionale.
La particolare organizzazione gerarchica dei parametri della struttura sonora di questi canti nonché la loro estrema diversificazione l’uno dall’altro e la grande varietà di tipologie prodotte rende comunque straordinaria questa specie di balene tra tutti i mammiferi esistenti al mondo.
Anzi – va precisato – da quanto detto si deduce che in realtà non si tratta propriamente di motivi “solo” cantati, bensì prima ancora letteralmente “composti”. Proprio così: le balene megattere compongono musica! Ciò che ci ritorna di questa stupefacente constatazione è quel senso di mistero profondo quanto i bui e gelidi mari artici dove durante la notte polare le “balene musiciste” vivono la loro incredibile vita canora e l’inevitabile domanda connessa: «quale “maestro” avrà mai potuto trasmettere a simili creature la loro arte?»
Insieme alle finalità di una simile bravura questo resta un mistero che possiamo solo contemplare, nella speranza che ci renda migliori verso la natura. E verso le balene!

La balena cantante in rapporto alla sagoma umana
La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Login

Lost your password?