Home » ARCHIVIO » Bugie nel profondo

Bugie nel profondo

L’amore per la subacquea può trasformarci in piccoli bugiardi. Inventare stratagemmi con cui rubare il consenso della moglie per fuggire a immergersi è prassi comune. Ecco a voi 6 tra le più simpatiche e tipiche frasi usate dai sub.

Di Isabelle Mainetti

Fare subacquea crea dipendenza. Tenere un sub fuori dall’acqua per un periodo troppo lungo può causare essiccazione.
I giorni migliori per immergersi sono ovviamente gli stessi che le mogli chiedono in sacrificio ai loro rispettivi consorti.
Ecco che allora scatta la risoluzione del problema, un vero e proprio comportamento di sopravvivenza: la scusa e la preparazione alla scusa.
Ne abbiamo raccolte 6 tra le più usate. Anzi, a dir il vero 6 più una.

  1. Amore, “Gigi” (non quello della Cremeria) mi ha chiesto di accompagnarlo a fare immersione… non posso farlo andare solo… e se gli succede qualcosa?
    In questo caso il sub gioca sul senso umanitario della compagna che, per non sentirsi cattiva, non può dire no.
  2. Amore… (parola quasi sempre presente nell’operazione) visto che oggi ti ho accompagnato in tutti i centri commerciali esistenti e che ti sei regalata tutte quelle belle cosine ed io giustamente non mi sono preso nulla… che dici se domani mattina vado con Gigi a fare immersione?
    Ecco all’opera il gioco “un po’ per uno in braccio alla mamma”, il sub, furbescamente, ha pianificato con anticipo.
  3. Amore… sono stressato, lavoro tutta la settimana e rischio la depressione se non stacco un po’, che dici se mi rilasso andando a fare immersione domani? Non ti farebbe nulla? Ma se non vuoi…
    Sguardo da cucciolo di Chihuahua con colpo al cuore estorcendo la crocerossina che c’è in lei, fintamente disposto a rinunciare (tanto non ce ne sarà bisogno!).
  4. Amore… ti vedo molto strana ultimamente… hai bisogno di riposare e di fare una bella dormita.
    Si attende il leggero movimento di assenso e…
    E visto che tu dormi, io andrei a immergermi con Gigi, così non ti disturbo.
    Il sub in questo caso usa il sistema “lo faccio per te!”
  5. Domani mattina Gigi e io vorremmo fare immersione e mi farebbe molto piacere se tu venissi… Il ritrovo è alle 6:00! Te la senti?
    Palese che il sub non vuole interferenze, ma alla moglie questo non si può dire.
  6. Premessa: qui siamo con l’acqua alla gola, il sub ha già usato tutte le sue scuse.
    Basta è tutta la settimana che mi stresso, sei isterica e vuoi litigare. Non ne posso più, domani te ne stai per i fatti tuoi che io me ne sto per i miei!
    Sbattendo la porta il sub si è appena concesso l’immersione del giorno dopo con Gigi.
    Gigi e il nostro sub non hanno saltato una domenica, una notturna, una festività, un evento…
    O la moglie è una boccacciona che crede a tutto o il sub e Gigi ora sono single.

Ah, quasi dimenticavo… esiste una settima regola che non è proprio un’altra scusa ma piuttosto un corollario da usare dopo aver potuto fare immersione grazie a una qualsiasi delle 6 scuse: al ritorno dalla moglie mai mostrarsi soddisfatto, anzi!… L’espressione migliore alla domanda “com’è andata? Ti sei divertito?” potrebbe essere per esempio: “Macché, guarda… una vera schifezza! Meteo pessimo, Gigi che non era per niente in forma e sott’acqua non abbiamo visto nulla… Un’immersione davvero sprecata!”. Sarà la miglior premessa per tentare di… “rifarsi” quanto prima!

Comunque dai un consiglio al sub e a Gigi… che scuse usi tu? Oppure sei ancora o di nuovo single?

Bugie nel profondo

About Isabelle Mainetti

Il classico maschiaccio con i tacchi a spillo. Faccio immersioni tecniche e in Trimix illimitato con il computer o la mnemonica. Mi piace “volare” guardando l’immensità del vuoto sottostante ed esaltarmi per i caratteracci delle pareti. Impazzisco per infilarmi nei relitti ascoltando le loro voci silenziose. Non sono donna, né uomo … sono sub! Amo gli sport, tutti! Amo l’energia e amo vivere la vita con intensità alla ricerca di emozioni. Istruttrice di aerobica e step per anni, ora uso i piedi come pinne … sarò finalmente diventata una sirena?
Isabelle Mainetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Login

Lost your password?